La Scena delle Donne

RASSEGNE

La scena delle donne è uno spazio di espressione e di visione riservato al mondo femminile il cui linguaggio, pensiero e creatività non sono ancora abbastanza conosciuti e valorizzati (basta solo scorrere i programmi scolastici per accorgerci dell’insufficiente menzione del contributo femminile alla conoscenza umana). Ma che non sia anche questa lacuna, oramai inaccettabile, una delle cause della nostra crisi epocale? Il mondo ha bisogno dell’immaginario delle donne per ritrovare il suo equilibrio. Le donne stesse cercano riferimenti immaginativi per la propria identità, sospesa ora fra un modello neutro/maschile ed una artificiosa femminilità prevalentemente estetica costruita ad hoc per le esigenze dell’altro sesso. Mettere in scena la rappresentazione del mondo da parte delle donne è una delle cose più urgenti da fare soprattutto per le nuove generazioni, che sono per lo più ignare del percorso culturale, sociale e politico delle donne negli ultimi secoli ed anche per contrastare la violenza che colpisce sempre di più il genere femminile. Il teatro può diventare così questa scena dove riscoprire le prospettive dell’altra metà del cielo. Una scena delle e per le donne, cioè un luogo pubblico, un luogo “politico” nel suo senso più vero, luogo della partecipazione alla vita collettiva. Dedicata alle giovani che continueranno questo cammino.

Eventi in Programma

La marginalità delle donne in ambito culturale, soprattutto teatrale (vedi link https://www.amleta.org/mappatura/) è ancora frutto della mancanza di una tradizione e trasmissione del contributo culturale femminile. Le donne infatti sono state le grandi assenti della storiografia, un’omissione della cultura che, nonostante gli ostacoli frapposti alla loro affermazione, le donne riuscirono comunque in ogni epoca ad esprimere, dando in vari modi il loro apporto alla società. Solo da circa 50 anni è incominciato il recupero della presenza femminile nella società e nella cultura del passato, avviato dalle donne che cercavano un retroterra storico per fondare un’identità collettiva di genere, continuato ad opera di studiose e studiosi con la riscoperta, tuttora in atto, delle scrittrici del passato, che erano rimaste escluse dalla tradizione e la cui assenza ha fatto mancare un riferimento che avrebbe potuto dare forza, energia e dignità alle aspirazioni artistiche delle donne.

Con CONNESSIONI INTERGENERAZIONALI la rassegna ha l’intento di favorire la trasmissione di saperi, fra giovani artiste/i e registe e drammaturghe contemporanee che si fanno tramite delle autrici del passato, recuperando e riscoprendo la tradizione teatrale delle donne nei secoli e colmando la lacuna di conoscenza che ancora presenta la drammaturgia femminile, sia storica che contemporanea, anche attraverso la pubblicazione di testi dedicati oltre che con le rappresentazioni teatrali. Durante la rassegna verrà sempre data visibilità alle GIOVANI ARTISTE per stimolarne una maggiore presenza a teatro, favorendo nel contempo interventi dedicati appositamente per loro per la conoscenza della cultura teatrale femminile; nel contempo verrà valorizzata la cultura di AUTRICI DEL TERRITORIO REGIONALE con la divulgazione di storie e memorie di donne anziane e di donne che vissero le vicende di confine Italo-Sloveno.

Parità di genere nelle arti performative:

Incontro Nazionale Operatrici dello Spettacolo
Pordenone | ex Convento di San Francesco | 12 settembre 2021

 

Parità di genere nelle arti performative è stato un incontro nazionale delle operatrici dello spettacolo, che si è svolto a Pordenone, nell’ambito de “La scena delle donne”, festival promosso da Bruna Braidotti e la Compagnia Arti e Mestieri, all’interno dell’ex Convento di San Francesco di Pordenone in modalità ibrida, con parte delle relatrici e partecipanti in collegamento Zoom.

Rassegna stampa

2021

Partner e Sponsor