Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy .


privacy - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Storie di acque e storie di guerra­­­­­

con  Bruna Braidotti e Romano Todesco

Spettacolo di narrazione e musiche sulle vicende della Prima Guerra Mondiale

nei luoghi d’acqua del nostro territorio

Collaborazione ai testi di Giulio Ferretti, musiche a cura di Romano Todesco


 Lo spettacolo nasce dall’esperienza drammaturgica maturata in quasi un ventennio di scritture sceniche sul territorio e sui fiumi veneti e friulani oltre che quelli del Nord Italia. Storie di acque e storie di guerra si incentra sui fatti di ogni località, approfondendo in particolare gli episodi della Prima Guerra Mondiale di cui sono stati testimoni i fiumi e i corsi d’acqua.

Racconti e musiche delineano la storia del territorio testimone delle vicende belliche del secolo scorso in particolare della prima guerra mondiale. Si compone un mosaico di personaggi e paesaggi che riproponendo la memoria di quegli anni fanno parte del racconto più ampio del territorio che abbraccia la contemporaneità. Il testo dello spettacolo viene creato appositamente per la località di rappresentazione in base a ricerche, studi e testimonianze in modo da fornire una sintesi teatrale della storia del proprio territorio.   Si apre così uno squarcio narrativo fra passato e presente che contiene   il momento storico della prima Guerra mondiale come punto di svolta fra un prima ed un dopo che ha segnato la nostra storia ed il nostro territorio a cominciare dai nomi dei fiumi che hanno cambiato genere ( si diceva La Piave, La Livenza etc.).

In particolare per il Friuli i fiumi su cui si incentrano le storie di acque e le storie di guerra sono il Natisone, Lo Judrio, L’Isonzo, il Tagliamento, l’Arzino ed il Livenza, il Cellina ed il Meduna e tutti gli altri bacini acquei che fanno da sfondo alle vicende belliche, come anche la zona lagunare.

Sono stati già realizzati spettacoli a San Giorgio di Nogaro, incentrato sulle vicende belliche della laguna di Marano e Grado, a San Pietro al Natisone sulle storie di guerra del Natisone e dell’Isonzo e della valle di Caporetto, a Polcenigo sulle sollevazioni preguerra e sulla resistenza dopo Caporetto ed è in corso la ricerca storica per la stesura di testi per tutte le altre località della regione. I testi narrati e messi in scena da Bruna Braidotti, sono accompagnati dalle musiche eseguite alla fisarmonica da Romano Todesco con un repertorio sia popolare di canzoni del periodo, sia contemporaneo in un mix originale seguendo il racconto del passato per una memoria del futuro.

Lo spettacolo si presta per essere rappresentato all'aperto in spazi informali sia naturali che urbani, come in teatro.