Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy .


privacy - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Compagnia di Arti & Mestieri dal 1983 è presente in Regione Friuli Venezia Giulia ed ha continuato a svolgere ininterrottamente la sua attività in campo artistico allargando sempre più i propri ambiti di intervento.

Nel 1983 quando è nato il sodalizio l’attività si concentrava sulla musica antica, la danza rinascimentale ed il teatro. E’ stato realizzato per 7 anni il Festival Internazionale di musica antica presso la foresteria di S. Floriano a Polcenigo, con l’intervento di maestri e partecipanti da tutto il mondo. Il primo spettacolo della Compagnia è “L’ultima notte” su Giovanni Antonio De Sacchis, detto Il Pordenone di canto, musica, danza rinascimentale e di teatro, che è stato rappresentato negli anni ’80 più volte in Regione F.V.G.

Dal 1987 la Compagnia sotto la direzione di Bruna Braidotti, inizia un percorso di approfondimento su temi legati alla specificità femminile e dal 1997 all’ambiente. L’impegno nel campo del teatro e le donne vede la Compagnia impegnata in diversi allestimenti ed iniziative: “Pene d’amor”, spettacolo di Commedia dell’Arte sugli stereotipi della donna nel teatro tradizionale, “L’Amante” tratto dal romanzo omonimo di Marguerite Duras, una ricerca e uno spettacolo sulla violenza sessuale alle bambine che dal 1995 viene rappresentato in tutta Italia, “ Il segreto più nascosto”.

La formazione al teatro viene indirizzata alla ricerca per le donne, con diversi seminari e convegni sull’identità, la differenza, il rapporto madre/figlia a Pordenone, Venezia e Trieste. Viene realizzato con il Centro Donna del Comune di Venezia un convegno di confronto sul teatro ed il pensiero delle donne con la partecipazione di Silvia Vegetti Finzi, Ileana Chirassi Colombo, Anna Salvo, Gabriella Buzzatti, Franca Bimbi, Laura Curino, Silvia Ricciardelli, le attrici del Gruppo Almamater di Torino, e la stessa Bruna Braidotti. Accanto a questo settore di intervento si sviluppa anche quello di formazione al teatro sul territorio e di teatro per i giovani con l’organizzazione di una rassegna di teatro per le scuole “…Quando la vita incontra il teatro…”, con corsi di teatro per giovani e la produzione di spettacoli. La Compagnia negli anni’90 ha al suo attivo un campo di intervento a livello nazionale, sia per la circuitazione di spettacoli, sia per la formazione teatrale, che per l’organizzazione di eventi. di giovani attori allestendo spettacoli di strada.

Collabora negli anni ’90 con altre compagnie teatrali nazionali quali il Tag teatro di Mestre, l’Alfieri di Asti, (in cui Bruna Braidotti ha lavorato come attrice), e nel Bel.teatro di Padova (di cui è stata cofondatrice.) Nasce anche una collaborazione artistica con il Centro di Ricerca Teatrale di Venezia presso cui Bruna Braidotti insegna teatro per diversi anni e forma un gruppo.

Nel 1997 si apre un nuovo capitolo aggiungendosi agli altri ed è il teatro ambiente, nato dalla collaborazione con l’arch. Giulio Ferretti.

Viene prodotto Storie di Fiume, spettacolo che dal 1998 continua ad essere rappresentato in tutto il Nord-Est, e da cui nascerà la rassegna interregionale “TEATRI FUORI DAI TEATRI”, giunta nel 2013 alla sua 13° edizione.

Non è mai stato interrotto nel frattempo l’impegno nel campo del teatro per le donne con la proposta di “Luisa”, spettacolo sulla violazione delle bambine, e la produzione “Amante Marina” di Luce Irigaray prodotto dalla Società Filosofica sez. F.V.G. e con la realizzazione della rassegna provinciale di teatro al femminile “ Il Punto sulle donne”.

Nel 2000 l’attività di formazione si struttura in una scuola di teatro “SCUOLA POPOLARE DI TEATRO”, situata in una sede del Comune di Pordenone nell’ex cartiera nel Parco di S. Valentino, che è diventata un riferimento formativo regionale e interregionale richiamando partecipanti dalla Regione F.V.G, e dal Veneto. L'attività formativa si amplia con l'organizzazione annuale della Summer Accademy a San Vito al Tagliamento con Akt Zent di Berlino e in collaborazione con EACT (European Association for theatre culture).

Dal 2004 viene ripresa la rassegna di teatro per la scuola “LA VITA A TEATRO - teatro per i giovani e per quelli che non hanno mai spesso di essere giovani”.

Nel 2006 nasce la rassegna “La scena delle donne” per far conoscere la ricca produzione drammaturgica delle donne e la creatività teatrale femminile attraverso spettacoli, incontri e conferenze in varie località del Friuli e del Veneto.

Nel 2011 realizza il progetto "Quello che le donne non dicono" all'interno della VI edizione della rassegna "LA SCENA DELLE DONNE".

Nel 2007 il testo “Italia” di Bruna Braidotti riceve il Premio Nazionale di drammaturgia Donne e Teatro Roma 2007.

Nel 2008 con il testo “Il racconto del mulino” riceve il premio “La scrittura della differenza” Capri 2008.

L’attività sul territorio continua con le tre rassegne, la produzione di nuovi spettacoli di teatro ambiente, teatro e donne, teatro e giovani, e la scuola di teatro con un impegno sempre maggiore sulla rappresentazione del territorio, sul teatro civile e sull’interesse per i giovani.
Sempre nel 2008 viene realizzato lo spettacolo “Nemica di classe” di Nigel Williams sul tema del bullismo e Panorma Maternage di Antonella Saccarola sul tema delle donne e la maternità.
Nel 2009 vengono allestite due nuove produzioni: Storie dal Fondo, tratto dal testo di Massimiliano Santarossa, sul disagio giovanile e “Noi due come un romanzo” tratto dall’omonimo romanzo di Paola Calvetti. Nel marzo del 2011 è stato realizzato il debutto dello spettacolo "Viva l'Italia" in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia.
A maggio 2011 debutta con lo spettacolo “La Commedia delle donne”, uno spettacolo comico su donne e carriera.

Nel 2012 viene realizzata la 7° edizione della scena delle donne in cui viene presentato il libro "Quello che le donne non dicono".

Nel 2013 viene realizzata la 8° edizione de La scena delle donne e il concorso di scrittura “ Quello che le donne non dicono di quando erano bambine”. La manifestazione ottiene “l’adesione da parte del Presidente della Repubblica” Giorgio Napolitano con l'assegnazione di una medaglia per la   forte valenza sociale e culturale, per la ricchezza delle proposte e per la continuità dell'attività. Nel 2013 la rassegna La vita a teatro diventa rassegna di teatro civile ad uso delle nuove generazioni, per I temi che si propongono ai giovani spettatori, relativi alla contemporaneità.
Nel 2014 si tiene la 9° edizione del festival con spettacoli che coprono il territorio regionale con opere di artiste allargando le proposte dal teatro alla musica ed all’arte figurativa.

Nel 2014 organizza la rassegna estiva Una terra ed una storia in scena in Friuli Venezia Giulia con spettacoli sulla storia del territorio.
Nel 2014/15 organizza per la regione FVG il progetto A e In teatro per crescere, progetto di laboratori teatrali per giovani delle scuole superiori e medie della provincia di Pordenone abbinato alla visione di spettacoli, nel 2015/2016 “La scuola felice per diventare cittadini", nel 2016/2017 è in programma il nuovo progetto “Abbasso il disagio a teatro mi sento a mio agio".

Nel 2016 vince il bando regionale sulla Grande Guerra, realizzando con il progetto dal titolo "Un lungo ozio senza un minuto di riposo" una serie di spettacoli, gite ed eventi attinenti ai fatti della primo conflitto mondiale. L'iniziativa si rinnova nel 2017 - 2018 con il progetto "La fuga dal Friuli, Autunno 1917 - Primavera 1918: chi scappa, chi resta, chi arriva, chi resiste", in corso di realizzazione.

Nel 2015/2016 continua la rassegna La scena delle donne giunta alla sua XI edizione, con il concorso "Quello che le donne non dicono delle altre donne".


La Compagnia è una struttura stabile in una sede comunale con un ufficio organizzativo.