CALENDARIO PROGRAMMAZIONE - PER INFORMAZIONI 043440115


- Venerdì 22 febbraio ore 20.45 - PORDENONE Auditorium Concordia

L’ULTIMA RISATA di e con Rosalba Piras e Tiziano Polese – Abaco teatro (per la  giornata della memoria)

Lo spettacolo "L'ultima risata" della Compagnia Abaco Teatro rappresenta il tema della Shoah in una chiave originale, che senza venir meno alla tragicità degli eventi di cui si vuole mantenere viva la memoria, ne dà una lettura che stimola la speranza per un mondo migliore. Il tema, sviluppato dagli attori in modo dinamico e vivace, è relativo alla sorte dei comici cabarettisti ebrei dell'epoca a Berlino, il cui humor spopolava in Europa. La loro sorte, come quella di tanti ebrei che non sfuggirono al nazismo, fu quella di passare dai palcoscenici ai lager, ma supportati dalla forza del teatro comico che non li ha abbandonati neanche nelle situazioni più estreme. la comicità non elude il dramma, ma permette di guardare oltre, facendo affidamento sulle risorse umane con la consapevolezza che la vita continua.

 

- Inaugurazione 2 marzo 2019 ore 18.00 – Caffè Letterario, Pordenone

SE TUTTE LE DONNE DEL MONDO

Una serie di incontri, realizzati in collaborazione con alcune attività commerciali di Pordenone, che si propone di mettere in contatto le donne appartenenti alle diverse culture presenti sul territorio regionale, per promuovere l'incontro tra le diverse tradizioni e visioni del mondo e in particolare del femminile, attraverso letture tratte da testi che hanno partecipato a concorsi internazionali di drammaturgia femminile svoltisi ad esempio a Cuba, Santiago del Cile, Cape Town. Una sezione dell'iniziativa si svolge presso Cucina 33, con appuntamenti che vedono protagoniste le tradizioni culinarie delle civiltà in essa coinvolte accompagnate da letture di attrici di Pordenone.

Assaggi di drammaturgia femminile dal mondo:

- 2 marzo ore 18.00- Caffè Letterario

Inaugurazione e con buffet alla Scena delle donne

- 6 marzo ore 17.30 - Grace - Cucina 33

San Salvador - Mercanzia de primera

- 7 marzo ore 17.00 - Trattoria Molinari 26

Colombia - Ciò che non sono

- 8 marzo ore 17.30 - Cucina 33

Kenya - Prudenti come serpenti di Lola Shoneyn

- 9 marzo ore 16.00 - La casa della prateria

Equador - Inguaribile melodrammatica

 

 

- 6 marzo 2019 ore 20.45 – Ridotto del Teatro Verdi, Pordenone

DIALOGO ESTREMO DI UNA DONNA di e con Bruna Braidotti e con Nicola Milan al pianoforte Troppo spesso le donne accettano o tollerano una cultura che le denigra e che le vuole relegare in un ruolo subalterno a quello dell'uomo. Anche da questo nasce la violenza sulle donne ed è anzi, anche questa, una forma di violenza, di cui le donne si rendono in qualche modo complici esse stesse. Il dialogo della Braidotti parte proprio da queste premesse, analizzando anche le origini da cui questa cultura deriva, e riesce ad essere allo stesso tempo provocatorio, sarcastico, pungente e a tratti appunto “estremo”, come recita il titolo. Il fine è uno: scuotere le donne e risvegliarle da questo torpore in cui si sono troppo a lungo relegate, per riscoprire se stesse, ricominciare la loro giusta rivolta e ripensare e rifare il mondo da capo.

 

- 8 marzo 2019 ore 20.45 – Teatro Gozzi, Pasiano di Pordenone

LA GIGIA di Romano Pascutto, con Sandro Buzzatti, musiche di Stefano Maria Riccatti.

La Gigia, personaggio nato dalla penna di Romano Pascutto, vecchia e lontana dal “mondo nuovo” baciato dal “miracolo economico” si abbandona ad un flusso di pensieri e azioni, che la riportano ai momenti più importanti della sua esistenza, scandita dalla fatica del mondo contadino e soprattutto dall’orrore della guerra che l’ha spogliata degli affetti e della speranza di un futuro. Un “urlo” di dolore, una “denuncia” dell’orrore della guerra, una “rivendicazione” dell’amore profondo e generoso che le donne sanno custodire anche davanti alle tragedie più alte e la riscoperta della forza spirituale delle donne, che diventano depositarie delle orme più profonde della Storia. Sandro Buzzatti la porta in scena tutto questo con un monologo di rara intensità nel rigoroso rispetto del valore letterario di questo testo poetico, che contiene in sé una straordinaria forza teatrale.

 

- 10 marzo 2019 ore 10.30 – Teatro Zancanaro, Sacile

LA COMMEDIA DELLE DONNE di Bruna Braidotti, con Bruna Braidotti e Bianca Manzari

Premio Mariangela Melato 2013

Isa e Bea sono due amiche ed attrici che devono mettere in scena da sole, con le proprie forze, la commedia di Goldoni "La Casa Nova". Durante le prove per lo spettacolo emergeranno le storie delle due donne, le difficoltà nel conciliare il lavoro e la vita privata, quelle relative alla messa in scena del testo goldoniano e soprattutto, i legami e i conflitti tra le protagoniste, che troveranno in questa esperienza l'occasione per fare i conti con il loro passato e il loro presente. Per rendersi conto, nel finale, che quello che le unisce è più forte di quello che sembra dividerle e dell'importanza e della forza di questa unione nel nome dell'arte e dell'essere donne. Evento in collaborazione con il SPI - CGIL di Pordenone

 

 

- 15 marzo 2019 ore 11.00 – Saletta Degan, Pordenone

DONNE E TEATRO: UNA STORIA DI ESCLUSIONE di Bruna Braidotti, con Bianca Manzari e Bruna Braidotti

Dai riti eleusini, alla commedia dell'arte, alle sconosciute drammaturghe dei secoli seguenti fino alle protagoniste del teatro d'avanguardia e contemporaneo: la conferenza-spettacolo scorre la storia del teatro attraverso il contributo femminile a volte sommerso e nascosto e si snoda nei secoli tra racconti, immagini e reading. Un racconto nuovo ed affascinante, offerto per questa occasione agli studenti delle scuole di Pordenone, che dimostra senza ombra di dubbio che le donne hanno scritto, detto e fatto anche nelle condizioni più avverse. La generosità delle donne che non hanno rinunciato a se stesse commuove e ridà fiato, desiderio e determinazione a chi prenderà il testimone per una partita ancora in corso.

 

- 22 – 23 marzo 2019 – Sede Compagnia di Arti e Mestieri, Pordenone

WORKSHOP “IL LINGUAGGIO DELLA DEA” con Sayma Wasaka Tanatyam

Il percorso del workshop “Il linguaggio della dea”, già protagonista in diverse edizioni passate del festival, prosegue quest'anno con il laboratorio di Sayma Wasaka Tanatyam la quale insegnerà alcune movenze della danza classica del Bangladesh, le cui origini risalgono alla danza kathak indiana che anticamente si richiamava a danze religiose in onore della Dea Madre. Lo stage si svolgerà con i seguenti orari: Venerdì 22 marzo 2019 – dalle 18.00 alle 20.00 Sabato 23 marzo 2019 – dalle 16.00 alle 18.00

 

- 29 marzo 2019 ore 21.00 – Sala Polivalente S.Pietro, Comacchio

LUISA di e con Bruna Braidotti

Selezione Mondiale per l'Italia al WPI di Cape Town nel 2015

Lo spettacolo mette in scena, con delicatezza ed intensa partecipazione, il tema difficile dell'infanzia violata e dei segni che questa violenza lascia indelebili in chi la subisce, lungo tutto il suo percorso di vita. Luisa è una donna sola, che si guarda allo specchio e rivive la sua storia, in un monologo che si snocciola aspro e dolente, lasciando al non detto le parti più mostruose, alle parole la possibilità dell'emozione.

 

SEZIONE DE “LA SCENA DELLE DONNE” DI APRILE

- 8 – 13 aprile 2019 – Auditorium Burovich, Sesto al Reghena

FESTIVAL “LA GIOVANE SCENA DELLE DONNE”

Sezione de “La Scena delle Donne” e giunto quest'anno alla seconda edizione, il festival ha l’obiettivo di suscitare l’interesse e stimolare progetti di giovani artisti/artiste sulla rappresentazione del femminile. Verranno presentati i sei spettacoli che hanno superato le selezioni precedenti e che porteranno in scena la situazione culturale e sociale delle donne nella contemporaneità, nella storia, nella società, nella famiglia, nel lavoro e nei rapporti con l’altro genere, temi ancora sottorappresentati sulla scena teatrale. Si tratta di una vera e propria vetrina per i/le giovani artisti/artiste, che avranno modo di far conoscere il loro lavoro ad un pubblico di operatori del teatro. E’ quindi un’occasione per le startup teatrali di accedere alle programmazioni teatrali di Italia. Occasione che lo scorso anno si è rivelata particolarmente efficace.

Oltre al concorso teatrale, il festival prevede anche una serie di incontri, conferenze e workshop internazionali, che si svolgeranno nella cornice di uno dei Borghi più belli d'Italia.